Immagine
Confagricoltura
Milano Lodi e Monza Brianza

 

da sempre al servizio dell'Agricoltura e delle Imprese Agricole

 


Si sta concludendo l’iter di emanazione del decreto che, come richiesto da Confagricoltura, posticipa la gradualità di avvio della revisione delle macchine agricole. La nuova gradualità riguarderà non solo i trattori agricoli ma anche le macchine operatrici ed i rimorchi. La prima scadenza viene posta al 30 giugno 2021 per veicoli immatricolati prima del 31 dicembre 1983; seguiranno poi i veicoli immatricolati tra il 1/1/1984 e il 31/12/1995 (revisione entro il 30/6/2022); in pratica, quindi, sono ridefinite le date di avvio della revisione in relazione alla categoria di macchine ed alla data di immatricolazione. Verrà così superata la situazione che si è venuta a creare a partire dallo scorso anno, che ha esposto gli operatori al rischio di sanzioni per mancata revisione, nonostante non fosse stato ancora emanato il provvedimento sulle modalità e sui dettagli operativi per adempiere a tale nuovo obbligo. Quest’ultimo, peraltro, continua a mancare: ecco perché, una volta pubblicato il decreto, sarà costituto un gruppo di lavoro da parte dei Ministeri competenti per procedere alla definizione del provvedimento diretto a definire i criteri e le modalità della revisione.