Immagine
Confagricoltura
Milano Lodi e Monza Brianza

 

da sempre al servizio dell'Agricoltura e delle Imprese Agricole

 


elezioniAll’indomani del voto alle Europee, il Presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti è intervenuto per sottolineare alcuni punti importanti della “partita” europea: innanzitutto, l’UE ha sul tavolo la riforma della PAC, determinante e urgente per la nostra agricoltura; ma come agricoltori italiani che operano in un mercato comune chiediamo anche regole europee reciproche, partendo dal sistema fiscale, che invece oggi opprime le aziende italiane e le penalizza rispetto agli altri Paesi. L’armonizzazione delle norme deve riguardare anche il costo del lavoro e le pratiche ambientali, per costruire un’Europa più competitiva in ambito internazionale. Per farlo, occorre un’Italia più coraggiosa e lungimirante nelle riforme, capace di essere protagonista in questa battaglia. Confagricoltura si pone al fianco dei parlamentari che condividono le esigenze degli imprenditori italiani e intendono affrontarle con tempestività. “Se contassero solo le cifre e la qualità del nostro sistema di settore” ha concluso Giansanti “non dovrebbero esserci grandi ostacoli alla nomina di un italiano quale prossimo Commissario Europeo all’Agricoltura e allo Sviluppo rurale”.
Dal canto suo, il Presidente regionale Antonio Boselli ha augurato buon lavoro ai parlamentari eletti, come Massimiliano Salini di Forza Italia, Angelo Ciocca ed Oscar Lancini della Lega, Patrizia Toia del Pd, Eleonora Evi del Movimento 5 Stelle, Carlo Fidanza di Fratelli d’Italia che torna dopo una legislatura di assenza, all’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia e all’attuale assessore comunale milanese Pierfrancesco Majorino per il Pd e ad Isabella Tovaglieri per la Lega. La nostra Organizzazione, da un lato, chiederà agli europarlamentari eletti e provenienti dalle province lombarde di lavorare per rimettere l’impresa al centro di un programma strategico di ampio respiro e, dall’altro, si mette a disposizione dei componenti del nuovo Parlamento Ue per portare loro la voce delle imprese e fornire indicazioni importanti per lo svolgimento dell’attività legislativa.