Immagine
Confagricoltura
Milano Lodi e Monza Brianza

 

da sempre al servizio dell'Agricoltura e delle Imprese Agricole

 


prorogaE’ stata prorogata di un mese (dal 15 maggio al 17 giugno 2019) la scadenza per la presentazione delle Domande PAC e delle Domande di PSR a superficie (Misure 10 e 11 ad esempio). Non ha avuto invece proroghe il termine di presentazione della Domanda di Anticipo Regionale del contributo PAC (che, lo ricordiamo, riguarda solo le aziende con un importo di titoli PAC superiore a 1.500 euro).

A inizio maggio il gruppo Lactalis ha inviato una lettera agli allevatori conferenti con la quale comunica di voler riconoscere un prezzo di 40 centesimi al litro di latte (salvo conguaglio) per il mese di aprile, venendo quindi -di fatto- meno al rispetto dell’accordo stipulato.
Confagricoltura ha subito replicato sottolineando che ritiene inaccettabile la comunicazione perché questa decisione andrebbe in netto contrasto con le condizioni di fornitura che sono state reciprocamente siglate. La motivazione alla base della scelta del gruppo industriale viene riassunta nell’innalzamento del prezzo medio del latte alla stalla in Italia “che ha toccato – secondo quanto scrive Lactalis - un livello tra i più alti degli ultimi anni e ha evidenziato un differenziale rispetto ai prezzi dei principali mercati di riferimento che supera ogni valore storico”.
Questa la replica del Presidente Boselli: “Riteniamo che il metodo di indicizzazione sia stato concordato tra le parti con lo scopo di seguire l’andamento del mercato e non esistono le condizioni indicate da Italatte per una arbitraria riduzione del prezzo del latte, che deve rimanere per il mese di aprile pari a 415 euro per 1.000 litri di latte.
Italatte ha richiesto un incontro per definire le modalità di prosecuzione del rapporto contrattuale e Boselli ha sottolineato che la nostra Organizzazione non tollererà una eventuale revisione delle condizioni di fornitura del latte, proprio perché non concordata con tutte le parti in causa.

Si avvisa che è ancora possibile presentare Domande di Trasferimento Titoli PAC: la scadenza per operare il trasferimento sul sistema informatico nazionale SIAN è infatti fissata al prossimo 12 luglio 2019.

prorogaLa proroga dal 15 maggio al 17 giugno prevista per le Domande Uniche PAC e le Domande PSR 2014/2020 è stata concessa anche per la presentazione delle domande delle misure agroambientali e forestali presentate con i vecchi Regolamenti/PSR e precisamente: Reg. 2078/92, Reg. 2080/92; PSR 2000-2006: Misure F ed H; PSR 2007-2013: Misure 214, 221, Misura 223. Conseguentemente, il termine ultimo per la presentazione tardiva delle domande è prorogato al 12 luglio 2019.

La Prefettura di Cremona ha emesso un decreto di revoca delle modifiche statutarie recentemente apportate all’ANAFJI. L’atto riconosce di fatto le anomalie ed incongruenze rilevato nello Statuto dell’Associazione, che non rispettava la normativa in materia di riproduzione animale né recepiva le indicazioni del MIPAAFT. La revoca in questione, che riscontra una specifica richiesta inviata dalla nostra Confederazione, determinerà ora sicuramente degli effetti sulle Assemblee territoriali in corso.

EAPRAL e Agriturist Lombardia, organizzano, per il mese di maggio/giugno, un corso per operatori agrituristici di 40 ore, obbligatorio ed abilitante per l'iscrizione all'Albo regionale. Il corso si svolgerà a Milano, presso la sede di Confagricoltura Lombardia – Via Pietrasanta, 14, con partenza il 22 maggio e termine il 18 giugno 2019. Al termine del percorso formativo verrà rilasciato il certificato di abilitazione all'esercizio dell'attività agrituristica e l'attestato valido ai fini del Reg. CEE 852/2004 (HACCP). Il costo del corso è di € 150,00 (IVA compresa). Il termine ultimo per le adesioni è il 18 maggio 2019.
Coloro che fossero interessati possono rivolgersi ai nostri Uffici oppure direttamente ad EAPRAL alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o al numero 02/58302122

Per analizzare lo stato di crisi del settore e trovare strategie per risolverlo, il MIPAAFT ha emesso di recente un Decreto con il quale istituisce il Tavolo Tecnico del Settore del Mais, con compiti consultivi e di monitoraggio del settore. Ne fanno parte 35 componenti, in rappresentanza del Ministero, delle Regioni, delle Organizzazioni Agricole (per Confagricoltura, il funzionario della Confederazione Silvia Piconcelli), delle Associazioni del settore (CIB, ANACER, ASSOSEMENTI, GRANARIA, AMI, ASSALZOO, etc), delle Università e di ISMEA, AGEA, CREA, CNR, ISTAT.

weFarmAnche Confagricoltura ha aderito alla campagna lanciata del Copa/Cogeca #WeFarm4EU. L’iniziativa, in vista delle prossime elezioni del Parlamento Europeo, mette al centro il Manifesto degli agricoltori della UE, che riafferma l’importanza del settore agricolo per il futuro dell’Unione, esponendone le principali aspettative e richieste. #WeFarm4EU, si articola in 4 aree: futuro (per i giovani e l'innovazione), pianeta (ambiente, cambiamenti climatici), comunità (sviluppo rurale e equilibrio di genere) e crescita economica (dal sostegno agli investimenti alla maggiore attenzione alle importazioni negli scambi internazionali), con l’obiettivo di riportare al centro dell’agenda politica e sociale della UE il ruolo svolto dagli agricoltori.
A detta del nostro Presidente Giansanti: “C’è bisogno di un’Europa forte e di più agricoltura. Questo messaggio è indirizzato ai decisori politici, ma anche a tutta la società civile, proprio per sostenere la necessità di un’Europa forte, coesa e solidale; capace di promuovere uno sviluppo duraturo e sostenibile attraverso un’agricoltura competitiva, che guarda lontano e che produce reddito, a cui si offrano più opportunità che vincoli, permettendole di assicurare un idoneo presidio del territorio e dell’ambiente. L’auspicio è che il prossimo Parlamento e la prossima Commissione sappiano elaborare nuove strategie per il futuro dell'agricoltura, riaffermando la Pac come politica economica a sostegno del reddito degli agricoltori che, in uno scenario sempre più globale, sono chiamati a garantire il diritto dei cittadini italiani ed europei al consumo di cibo sano”.