Immagine
Confagricoltura
Milano Lodi e Monza Brianza

 

da sempre al servizio dell'Agricoltura e delle Imprese Agricole

 


La Regione Lombardia ha ripreso la pubblicazione (il lunedì e il giovedì) del Bollettino Nitrati, che regola i divieti temporali di distribuzione dei reflui in Lombardia per i mesi di novembre e febbraio. Sul Bollettino gli agricoltori possono verificare le giornate in cui è possibile o no effettuare lo spandimento.
Ricordiamo invece che dal 1 dicembre e sino al 31 gennaio il divieto di spandimento è ASSOLUTO!
Inoltre, si ricorda che dal 1 ottobre 2018 al 31 marzo 2019 vige il divieto di spandimento di liquami zootecnici sui terreni localizzati nei comuni ove siano adottate le misure temporanee di 1° e 2° livello istituite ai fini del miglioramento della qualità dell’aria (Accordo Aria per il Bacino Padano). Se nei comuni che aderiscono all'Accordo Aria sono in vigore le misure di 1° e 2° livello, sul Bollettino Nitrati riporta il seguente simbolo di Attenzione “ ” che segnala la necessità di verificare ulteriormente la situazione nel comune di interesse.
I nostri Uffici sono a disposizione per qualsiasi chiarimento.

La Regione ha comunicato che i pagamenti dell’anticipo UE per le Domande PAC 2019 e per le Domande di PSR 2019 inizieranno in questa settimana e proseguiranno per tutto il mese di novembre (quindi è del tutto normale se non si riceverà il pagamento subito ad inizio mese). Ricordiamo che:
• per le Domande PAC l’acconto sarà pari al 70% del contributo (titoli+greening) per le aziende che NON hanno ricevuto l’acconto regionale di luglio e al 20% per chi ha già ricevuto l’anticipo di luglio;
• per le Domande di PSR l’acconto sarà pari all’85% del contributo.

Ricordiamo che la nostra Confagricoltura MILOMB organizza regolarmente corsi obbligatori per i titolari di impresa agricola e/o i loro dipendenti. In particolare, per questo mese di novembre sono stati calendarizzati numerosi corsi; tra questi, vi è in programma per il 12 Novembre a Lodi , il 13 Novembre a Codogno e il 14 Novembre a Milano il corso di prevenzione incendi.
Coloro che fossero interessati possono rivolgersi al proprio ufficio di Zona per tutte le informazioni del caso e per iscriversi.

Ricordiamo a tutti le aziende di provvedere a comunicare SUBITO ai nostri Uffici tecnici eventuali cambi di coordinate bancarie, per poter fare le opportune modifiche al Fascicolo Aziendale e chiedere l’accredito dei pagamenti sul nuovo IBAN. Infatti, la Regione Lombardia ha stabilito norme più stringenti per quanto riguarda la ri-emissione di eventuali pagamenti non andati a buon fine (per un cambio di IBAN, appunto): in pratica, il beneficiario decadrà dalla possibilità di vedersi ri-emettere il pagamento qualora non provvederà ad effettuare le opportune modifiche entro 30 giorni antecedenti la scadenza dei termini ultimi di pagamento previsti dalle norme (ad esempio, per la Domanda PAC tale scadenza è fissata al 30 giugno dell’anno successivo alla presentazione della Domanda).

Il Consiglio di Amministrazione del Consorzio, nella seduta del 4 ottobre, ha approvato l’aggiornamento del “Regolamento per la gestione idrica”. Tale Regolamento è stato redatto al fine di riordinare in maniera compiuta le disposizioni in materia, adeguarsi alle direttive comunitarie e uniformare al contempo le procedure relative al governo del reticolo e all’accettazione delle dispense irrigue.
Tra le principali novità vi è l’obbligo di dichiarare i mappali dei terreni interessati dalle sottoscrizioni irrigue e la costituzione di consorzi o comunioni di utenti per la derivazione idrica da bocche di presa condivise per quanto riguarda i Navigli. Inoltre, il conduttore dell’appezzamento che non ne sia il proprietario, può presentare domanda per l’erogazione delle dispense irrigue solo previo avvallo scritto del proprietario.
Considerati gli aspetti rilevanti del Regolamento, in previsione delle richieste di dispensa idrica per il prossimo quinquennio 2020-2024., si consiglia a tutti gli interessati di prendere contatti per tempo con gli Uffici del Consorzio Villoresi presenti sul territorio.

Nonostante non sia ancora stato definito nulla circa la possibilità di richiedere il ristoro dei danni alle coltivazioni causati dalla cimice asiatica per l’annata 2019, è opportuno che le aziende che hanno subito danni inviino una segnalazione all’UTR territoriale, evidenziando tipologia e percentuale del danno. Invitiamo pertanto a prendere contatti con i nostri Uffici per definire le modalità di segnalazione.
Si segnala infine che nel mese di novembre verrà riaperto il bando PSR - Operazione 5.1.01 "Prevenzione dei danni da calamità naturali di tipo biotico" per l’acquisto ad es. delle reti antinsetto etc.

In merito ai danni alle coltivazioni provocati dalla cimice asiatica, Confagricoltura ha espresso soddisfazione all’annuncio del Ministro Bellanova di stanziare 40 milioni di euro nel 2019 per le aziende colpite, a cui si aggiungerebbero altri 40 milioni per i prossimi due anni. Certo, queste risorse possono essere considerate una buona base di partenza, ma non sono sufficienti rispetto ai danni totali: i frutteti del Nord Italia, ad esempio, hanno subito perdite che vanno dal 40 al 100% della produzione. Confagricoltura ha anche accolto positivamente l'annuncio dell'avvio della riforma del fondo di solidarietà nazionale e la convocazione di un tavolo di confronto con l'Associazione Bancaria Italiana per verificare la possibilità di una moratoria sui mutui per le imprese agricole colpite; così come la possibilità, prospettata dal Ministro di un coinvolgimento della UE per trovare ulteriori risorse attraverso l'utilizzo dell'art. 241 del Reg. 1308/2013. Confagricoltura ha anche chiesto al Ministro Bellanova di mettere in campo tutte le risorse necessarie per fornire agli agricoltori gli strumenti di difesa necessari per contrastare la cimice asiatica, promuovendo la ricerca scientifica e sollecitando il MinAmbiente a varare le linee guida per l'introduzione della vespa samurai, antagonista naturale nei paesi d'origine dell'insetto, l'unica in grado di agire efficacemente.

A seguito dell’approvazione della nuova legge regionale riguardante l'attività degli agriturismi, è divenuto obbligatorio, per le strutture agrituristiche che offrono servizio di pernottamento, comunicare a Regione Lombardia e ad ISTAT la trasmissione telematica dei dati giornalieri relativi al movimento degli ospiti (flussi turistici) utilizzando la nuova piattaforma web gratuita “TURISMO 5” (http://www.turismo.regione.lombardia.it/Turismo/ ).
La suddetta comunicazione, pur interessando gli stessi dati delle persone alloggiate comunicati alla Questura mediante il portale “Alloggiati Web”, è da ritenersi distinta in quanto concerne un obbligo e uno scopo diversi da quello della pubblica sicurezza. Resta quindi inteso che la comunicazione con “TURISMO 5” non sostituisce l’obbligo della comunicazione giornaliera alla Questura mediante il portale “Alloggiati Web”.
L'inserimento/caricamento delle rilevazioni devono essere caricate in “TURISMO 5” preferibilmente con cadenza giornaliera contestualmente all’invio dei dati alla Questura. In ogni caso la registrazione degli ospiti per l’intero mese deve essere effettuata entro il 5° giorno del mese successivo.
Le due attività obbligatorie, molto simili, se non condotte in modo organizzato, comportano un doppio dispendio di energia. A tal proposito il sistema “TURISMO 5” agevola questo processo in quanto, una volta completata la trasmissione dei flussi è in grado di generare il file che potrà essere caricato sul portale AlloggiatiWeb (una volta cliccato “Genera file questura” cliccare in seguito “Scarica file” e salvare il file sul pc. Successivamente tramite il link presente sulla stessa pagina di “TURISMO 5” si accederà al portale Alloggiati della Questura dove andrà caricato il file salvato).