ASito
Confagricoltura 
Milano Lodi e Monza Brianza

 

da sempre al servizio dell'Agricoltura e delle Imprese Agricole

 


anga32021

Prende il via la nuova campagna associativa del Giovani di Confagricoltura con il claim “Next Generation Farming”. Chiaro il riferimento al Next Generation EU, il Piano europeo per la Ripresa, un'occasione unica anche per investire in ambiti quali digitalizzazione, ricerca e sviluppo tecnologico, che sono cari ai Giovani di Confagricoltura. Entrare in ANGA vuol dire credere e condividere tutto questo, guardando al futuro. Associarsi all'Anga equivale a fare rete con altri giovani Imprenditori ed entrare a far parte di una realtà dinamica, luogo di scambio, confronto e crescita.

ASSOCIATI ANCHE TU! Scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

giansanti patuanelliConfagricoltura ha espresso soddisfazione per la nomina di Stefano Patuanelli a Ministro delle Politiche Agricole. Il Presidente Giansanti l’ha definito “la persona giusta per le prossime sfide dell’agricoltura”. Con Patuanelli la Confederazione ha già lavorato durante il suo incarico al MISE nel precedente governo ed il suo impegno per l’Agricoltura 4.0 è stato fondamentale.
Per le imprese agricole ci sono sfide importanti: ricerca, innovazione, sostenibilità; bisogna quindi programmare insieme il piano di sviluppo del settore, che ha bisogno di slancio e programmazione. L’agricoltura sarà anche fattore chiave della transizione ecologica su cui si fonderà il PNRR.
Le stesse considerazioni sono state enunciate da Confagricoltura anche direttamente a Mario Draghi, nel corso delle consultazioni tenutesi la settimana scorsa a Montecitorio per la formazione del nuovo Governo.
Con il neo Ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, Confagricoltura ha creato un dialogo proattivo; l’auspicio è quindi di continuare in questa direzione.

CNSRicordiamo ancora una volta a tutti gli associati che è quantomai opportuno, se non necessario, munirsi di CARTA NAZIONALE DEI SERVIZI (CNS), rilasciata dalla CCIAA, da utilizzare nei casi in cui occorre fare la firma digitale, che sono sempre più frequenti. In pratica, per inoltrare Domande/pratiche/dichiarazioni che richiedono la firma digitale, tutti gli agricoltori dovranno venire nei nostri Uffici, entro la scadenza prefissata, con la propria Tessera. Ad esempio, ANCHE LA DOMANDA PAC, a maggio 2021, SARA’ DA FIRMARE IN QUESTO MODO.
Per la firma digitale può essere utilizzata anche la Carta Regionale Sanitaria (CRS), da usare in associazione con il relativo PIN (che viene rilasciato dalle ATS), ma a nostro avviso è quantomai opportuno avere a disposizione anche la CNS (conservando la CRS soltanto per le pratiche di tipo personale, sanitario).
A pag. 14 di questo giornale pubblichiamo una utile tabella riassuntiva, redatta dalla CCIAA, con tutti i possibili strumenti digitali per l’impresa che può rilasciare la CCIAA stessa.

Ricordiamo a tutti gli associati che, a causa della recrudescenza della pandemia, le norme anti COVID-19 sono confermate. Pertanto gli ingressi dei nostri Uffici dovranno rimanere chiusi e sarà consentito l’accesso SOLO SU APPUNTAMENTO. L’ingresso sarà consentito solo indossando la mascherina e i guanti; in assenza di guanti si dovrà procedere all’igienizzazione delle mani. Contestualmente verrà misurata la temperatura corporea.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, a seguito delle dimissioni rassegnate dalla sen. Teresa Bellanova dalla carica di Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, ha assunto ad interim il Ministero suddetto.

A seguito dell’esonero contributivo relativo ai mesi di novembre e dicembre 2020, con tardivo messaggio del 13 gennaio l’INPS ha reso noto che entro il prossimo 16 febbraio comunicherà ai coltivatori diretti e agli imprenditori agricoli professionali, a mezzo del cassetto previdenziale, l’importo della riduzione spettante sul versamento della IV rata dei contributi, la cui scadenza del 18 gennaio è stata pertanto sospesa. Allo stato attuale, non sono disponibili informazioni in merito alle eventuali modalità di recupero delle somme per chi avesse già provveduto al versamento.

censimento1Con la spedizione, a tutte le aziende agricole italiane, da parte dell’ISTAT, di una lettera informativa (via pec o via posta normale), il 7 gennaio scorso è partito ufficialmente il 7° Censimento dell’Agricoltura.
Il Censimento è importante per fornire la fotografia aggiornata e completa del settore agricolo: infatti, la conoscenza puntuale della realtà agricola nazionale, regionale e locale è alla base di ogni azione per programmare, valorizzare e far crescere il sistema agricolo e zootecnico italiano. Ecco perché lo slogan coniato per il Censimento è: “Se ti facciamo domande è perché meriti risposte”.
Per informazioni sul Censimento è possibile rivolgersi ai nostri Uffici Tecnici di Zona o della Sede; nel frattempo, è importante verificare di aver ricevuto (come detto, sulla propria pec oppure via posta normale) la lettera con le informazioni sul Questionario.